Livia condivide le sue ricette su cucino.net. Registrati per pubblicare le tue. È gratis!

Pasta all'uovo (impastata a macchina)

Pasta all'uovo (impastata a macchina)
Portate: 
6
Tempo di preparazione: 
40
Tempo di cottura: 
5

Ho scoperto che la ricetta della nonna per la pasta all'uovo non funzionava bene nella planetaria e soprattutto nell'accessorio per stendere la pasta. Ho seguito quindi la ricetta per la pasta di semola proposta nel libretto di istruzioni ma con scarso successo. Ho quindi modificato la ricetta aggiungendo 2 uova e 1 cucchiaio d'acqua ed ha funzionato alla perfezione.

Informazioni aggiuntive:
-la mia planetaria è una kitchen-aid professional 5 plus
-la farina che uso è quella di semola del mulino Spadoni
-le dosi della farina indicano il volume (ml) e non il peso perchè la mia macchina è stata acquistata negli Stati Uniti e il relativo libretto delle istruzioni utilizza queste unità di misura.

Ingredienti

5 uova grandi
790 ml di farina di semola
3 cucchiai d'acqua
2 cucchiai d'olio
1/2 cucchiaio raso di sale

Preparazione

Nella ciotola della planetaria versare la farina, il sale, le uova, l'acqua e l'olio. Con la foglia far andare a velocità 2 per 30 secondi. Sostituire la foglia con il gancio e far andare per 2 minuti sempre a velocità 2. Se necessario regolare le proporzioni tra farina, olio e acqua. I risultati possono variare con l'umidità della stanza (io ho dovuto aggiungere qualche goccia d'olio per esempio). Spegnere la macchina, recuperare l'impasto e lavorare a mano per circa due minuti su un piano infarinato. Dividere l'impasto in 8 parti uguali per stenderlo con l'accessorio per la pasta. Conservare l'impasto che non si sta lavorando una superficie infarinata coperto da un canovaccio per non farlo seccare. Passare la porzione di impasto nella macchina impostata a 1 (lo spessore maggiore) a velocità 1. La strisci ottenuta avrà una forma piuttosto irregolare. Piegarla a metà e ripassarla nella macchina. Lo scopo è ottenere delle strisce dalle forme più regolari possibile per sprecare la minor quantità di pasta durante il taglio. Ripassare nella macchina più volte diminuendo lo spessore (da 1 passare a 2, 3, 4, 5 o comunque a seconda dei gusti e dell'uso). Prima di ogni passaggio nella macchina spolverare la striscia con un po' di farina. Disporre le strisce ad asciugare su un piano infarinato o appese. Per quando avrete finito di fare tutte le strisce le prime saranno pronte per essere tagliate. Io ho preparato le tagliatelle ritratte nella foto e dei maltagliati. La pasta può essere ovviamente surgelata.